• hotel le prese
  •  
  •  
  •  
bell
Giorno Mese Anno Notti
© feratel media technologies AG

Hotel Le Prese è chiuso per la stagione invernale.
Per informazioni o richieste potete scriverci per e-mail a info@hotel-le-prese.com oppure tramite fax al +41 81 839 12 01.

Scritto commemorativo - L'origine dell'Albergo Le Prese: le qualità...

...terapeutiche della sorgente di acqua sulfurea

fontedizolfolagoposchiavochiesaanglicana

L’albergo Le Prese rappresenta oltre 160 anni di storia,di speranze, di alterne vicende, di momenti di euforia e di disforia dei relativi proprietari e della comunità che vive nel villaggio omonimo. Un villaggio dotato di un clima ideale – e un tempo di una fonte d’acqua sulfurea –, immerso in un paesaggio d’incanto tra il lago, la pianura e la montagna a 963 m sul livello del mare.
Tutto è cominciato intorno alla metà dell’Ottocento con l’acqua sulfurea, conosciuta fin dai tempi antichi, descritta nel ‘500 da Guglielmo Gratarolo, medico dello Stato di Venezia, nel suo De Thermis Rhaeticis e, guarda caso, professore all’Università di Basilea: «Vicino a Poschiavo, a tre miglia e mezzo sulla via verso l’Italia c’è la fonte del grande Lago di Poschiavo. Si vede una sorgente d’acqua completamente sulfurea e la si sente con tutti i sensi (olfatto e palato). Le pietre che quell’acqua copre biancheggiano di una grassa incrostazione. In piena estate l’acqua è tiepida, nelle altre stagioni è fredda. Per la favorevole ubicazione e per l’efficacia dell’acqua dovrebbe facilmente imporsene l’uso, ma c’è l’ostacolo della povertà del luogo».
Infatti da allora passarono tre secoli fino che in ValPoschiavo qualcuno se ne interessasse, ne facesse analizzare la composizione chimica e reperisse il capitale necessario per sfruttare tale risorsa.
Secondo la perizia dello scienziato tedesco Wittstein eseguita nel 1850, l’acqua conteneva in quantità notevole solfato di potassa, di soda, di ammonio ossidato e di calcio; cloruro, fosfato, subsolfato di calcio; subsolfato e bicarbonato di magnesia; bicarbonato di ferro ossidulato e acido silicico in stato libero; gas carbonico e gas idrosolforoso in stato libero, materia organica. Tanta grazia di Dio era considerata ideale per curare numerose malattie, dalla scrofolosi agli ingrossamenti ghiandolosi, dalle affezioni delle ossa e delle articolazioni al rachitismo, dalle patologie degli organi respiratori a quelle del canale digestivo, dai morbi della pelle nelle forme più svariate a quelli degli organi sessuali di ambedue i sessi.

Submit to Facebook